Giuseppe Capograssi, Pensieri a Giulia (1918-1924)

I Pensieri a Giulia sono stati pubblicati come opera postuma nel 1978-81 presso l’editore Giuffrè, che aveva in catalogo tutti i volumi editi e inediti dell’opera filosofica, a completamento delle Opere di filosofia giuridica. Capograssi infatti respira, per usare una nota metafora, con due polmoni: quello dello scienziato e quello dello scrittore.

I Pensieri a Giulia sono un grande diario, nel solco della tradizione diaristica tra Otto e Novecento. Gli autori amati e più spesso citati da Capograssi sono Agostino, Dante, Pascal, Leopardi, Amiel, Kierkegaard. La pagina di Capograssi regge il confronto con la pagina dello Zibaldone leopardiano. Quanto al contenuto, nei Pensieri si svolge da foglietto in foglietto il messaggio quotidiano di un uomo che celebra l’ordo amoris. C’è dello “stilnovo” in quest’opera che si distingue tra tanta letteratura d’amore moderna e contemporanea per una ricchezza, attinta anche al sentimento religioso.

“Ogni mattina, quando mi appresto a scriverti queste parole dell’alba, questi foglietti che sono divenuti una cara consuetudine, una cara effusione, io sento che con queste parole, a volte di fede, a volte di pensiero, a volte di amore – anzi meno spesso di amore – io ti dico, io ti do una parte di me stesso, la parte migliore di me, quella che sta alla cima…”

Scheda

Autore: Giuseppe Capograssi
Titolo: Pensieri a Giulia
Editore: Bompiani
Collana: Il Pensiero Occidentale
Anno pubblicazione: 2007
Prezzo: € 39,00
Pagine: 2304

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...