Utero in affitto: perché no?

di Giacomo De Fanis e Daniele Fulvi

bimbo_omosessuale_2Come testimoniato dal recente dibattito politico, non è più possibile eludere né ignorare le tematiche oggetto della riflessione bioetica, che si pongono con una veemenza sempre maggiore al centro del dibattito pubblico. In particolare, soprattutto a seguito degli ultimi episodi di cronaca, quello della maternità surrogata (o “utero in affitto”), rappresenta uno dei temi più delicati e spinosi, al punto che vien da sé per molti sentire di dover prendere posizione a favore o contro il ricorso a tale pratica, sia da parte di una coppia eterosessuale sterile e/o incapace di portare avanti una gravidanza sia da parte di una coppia omogenitoriale che desideri un figlio. Concernendo considerazioni sul tema della vita, nella sua riproduzione e in particolare nelle dinamiche del suo sviluppo e del suo svolgimento, evidentemente la bioetica è chiamata in causa con impellenza a sviluppare una riflessione debitamente critica.

Utero in affitto: perché no? (PDF)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...