Edoardo Puglielli. I lavoratori italiani emigrati negli Stati Uniti ela Grande Guerra.

imagesSocietà Filosofica Italiana
Sezione di Sulmona Giuseppe Capograssi [online]
ISSN 2281-6569 settembre 2016

«Vecchietti miei cari […], noi proletari, buttati pel mondo in cerca d’un pane, non abbiamo patria da servire. Voi che mi faceste, che a forza di stenti e di sacrifici mi allevaste, voi che mi vedeste abbandonare il paese natio, rinunziare a tutti gli affetti perché l’Italia non mi dava il pane, voi che mi avete lontano perché un governo ladro ci affama e ci deride, voi mi invitate, voi mi supplicate di ritornare in Italia e venire a servire la patria. Io non ho patria da servire, o miei cari vecchi […]. La mia patria non è l’Italia, non è l’America, non è la Francia; la mia patria è più grande ancora, la mia patria è il mondo intiero ed ogni sventurato che incontro lo chiamo fratello. La mia bandiera non è il tricolore; essa è molto più bella e vuole un mondo nuovo: né poveri né ricchi, né giudici, né regnanti! Questo è il sogno, l’ideale per cui vive e spera il figliuolo vostro che tanto vi vuol bene».

I lavoratori italiani emigrati negli Usa e la Grande Guerra (PDF)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...