Albert Camus. Lo straniero

thOggi la mamma è morta. O forse ieri, non so. Ho ricevuto un telegramma dall’ospizio: “Madre deceduta. Funerali domani. Distinti saluti.” Questo non dice nulla: è stato forse ieri. L’ospizio dei vecchi è a Marengo, a ottanta chilometri da Algeri. Prenderò l’autobus delle due e arriverò ancora nel pomeriggio. Così potrò vegliarla e essere di ritorno domani sera. Ho chiesto due giorni di libertà al principale e con una scusa simile non poteva dirmi di no. Ma non aveva l’aria contenta. Gli ho persino detto: “Non è colpa mia.” Lui non mi ha risposto. Allora ho pensato che non avrei dovuto dirglielo. Insomma, non avevo da scusarmi di nulla. Stava a lui, piuttosto, di farmi le condoglianze. Ma certo lo farà dopodomani, quando mi vedrà in lutto. Per adesso è un po’ come se la mamma non fosse morta; dopo il funerale, invece, sarà una faccenda esaurita e tutto avrà preso un andamento più ufficiale.

https://moodle2.units.it/pluginfile.php/29556/mod_resource/content/1/albert_camus_-_lo_straniero.pdf

Annunci

La musica del disincanto. Abbado interprete di Mahler

download

di Silvio Cappelli 

(pubblicato in «Prospettiva Persona», Rubbettino, ISBN
9788849843767)

Nella lunga e fitta galleria degli interpreti del grande compositore boemo di origini ebraiche, Gustav Mahler (1860-1911), la figura di Claudio Abbado rappresenta un punto di svolta decisivo.
Se infatti Bruno Walter (1876-1962), amico fraterno e stretto collaboratore dello stesso Mahler all’Opera di Amburgo e di Vienna tra il 1894 e il 1907, ha avuto il merito, nella prima metà del ventesimo secolo, di distruggere, attraverso le sue magistrali direzioni, le diffidenze “accademiche” verso l’opera mahleriana; se invece Leonard Bernstein (1918-1990) è stato l’indiscutibile protagonista della Mahler Reinassance degli anni ‘60 grazie soprattutto alla prima “epocale” registrazione dell’intero corpus sinfonico per la Cbs (1960-1967); è tuttavia solo con Claudio Abbado che la musica di Mahler si è affermata definitivamente non solo quale repertorio classico in tutti gli auditorium del mondo, ma anche e soprattutto quale strumento chiave per comprendere il nostro tempo.

La musica del disincanto

Lo straniero di Orson Welles (film)

Ritmo incalzante, splendido uso del chiaroscuro grazie alla fotografia di Russel Metty, duello recitativo di altissimo livello tra Edward G Robinson e lo stesso Welles. Interessanti i simbolismi: l’orologio del campanile, metafora di un tempo sospeso, quello della fuga del gerarca che tenta di rifarsi una vita; apparecchio che, non appena ricomincia a muoversi, segnerà l’ineluttabilità del destino di Charles “Franz Kindler”. Il buio ricorrente, simbolismo più scontato ma esteticamente bellissimo dell’ambiguità del protagonista, che nel momento della confessione avrà metà della faccia interamente nera. La provincia americana – viene in mente “Furia” di Fritz Lang – dove tutti sanno tutto di tutti ad eccezione dello “straniero”, richiamo alla paura del diverso, in questo caso stranamente non vittima di pregiudizio, poichè viene scoperto solo da un altro straniero, che fa aprire gli occhi a tutta la comunità. Ultimo ragionamento che emerge dalla pellicola, quello sulla famiglia americana, sulla fedeltà cieca della moglie innamorata, disposta a coprire l’assassino in tutto e per tutto, fino all’emergere, come dice E.G.Robinson, del subconscio.

L’ultima “eresia” di Lucio Colletti: “il ritorno a Kant”?

dam-images-daily-2013-10-kandinsky-vasily-kandinsky-01-circles-within-a-circle

ISSN 2281-6569 SFI Sezione di Sulmona Giuseppe Capograssi [online]

di Silvio Cappelli

La presenza di Kant, nella doppia veste di oppositore a Hegel e di precursore di Marx, risulta così decisiva nella riflessione di Colletti non solo perché rappresenta un motivo di peculiarità all’interno del dibattito filosofico italiano (e basti ricordare i nomi di Gramsci, Croce e Gentile che di fatto hanno sviluppato originalmente una linea di continuità tra Hegel e Marx), ma anche perché colloca Colletti tra i più raffinati pensatori “marxisti” europei della seconda metà del XX secolo (e sarebbe già sufficiente ricordare l’enorme diffusione e traduzione dei suoi scritti), ponendolo in netta opposizione alle correnti di sinistra “alla moda” come Marcuse e in generale della scuola di Francoforte, che monopolizzarono la critica alla “società borghese moderna” nel secondo dopoguerra.

L’ultima eresia di Lucio Colletti